Oscar 2019 – La categoria Miglior Attore Protagonista

Artisti, politici, uomini comuni, nella loro unicità e nella loro universalità.

Anche quest’anno la cinquina dedicata al Miglior Attore Non protagonista presenta candidati di altissima caratura e dal talento travolgente. Cinque attori che hanno prestato il loro volto a personaggi affascinanti che con la loro personalità hanno segnato lo scorso anno cinematografico.

Cresce l’attesa per conoscere il nome del vincitore, che seguirà il successo di Gary Oldman, vincitore nel 2018 con “L’ora più buia”. Ecco le nomination.

Christian Bale
Vice – L’uomo nell’ombra

Per Christian Bale si tratta della quarta candidatura agli Oscar, riconoscimento vinto come miglior attore non protagonista nel 2011. Nel film di Adam McKay, Bale dimostra ancora una volta le sue impareggiabili doti nel calarsi nel personaggio di Dick Cheney, raccontando nel tempo una delle figure più controverse della politica internazionale. Un lavoro straordinario anche dal punto di vista fisico.

Bradley Cooper
A Star Is Born

“A Star is Born” assicura a Bradley Cooper la sua settima candidatura all’Oscar, non ancora arrivato. Nel film da lui diretto impersona Jackson Maine, un artista in declino che combatte con i suoi demoni e con l’amore per una cantante in ascesa, che raggiunge il successo grazie a lui. Una vita tormentata che lo porterà ad una scelta molto difficile, per il bene di chi ama.

Willem Dafoe
Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità

Quarta candidatura da parte dell’Academy allo straordinario talento di Willem Dafoe, ancora una volta alle prese con un incantevole e appassionante film biografico, dedicato a Vincent Van Gogh. Prima nomination per quanto riguarda il ruolo di protagonista, che Dafoe ricopre magistralmente regalandoci un ritratto dell’artista intenso ed emozionante.

Rami Malek
Bohemian Rhapsody

Rami Malek parte con i favori del pronostico, giocandosi verosimilmente la statuetta già alla sua prima candidatura. Il ruolo in cui ha brillato è quello di Freddy Mercuery in “Bohemian Rhapsody”, un film già diventato cult. Malek è istrionico nel calarsi nei panni di uno degli artisti più straordinari di tutti i tempi, raccontando sia il suo talento unico che la sua vita fatta di momenti luminosi e bui.

Viggo Mortensen
Green Book

Si tratta della terza candidatura per Viggo Mortensen, un eccezionale Tony Lip, un uomo semplice, impulsivo, diretto, grezzo, apparentemente carico di pregiudizi. Tony dimostrerà di avere un gran cuore e una mente aperta costruendo un’amicizia speciale con la sua controparte nel film. Un rapporto in cui entrambi impareranno a sostenersi a vicenda.

 

Alberto Pinto,Blogger dall’indole geniale e creativa. Attento, divertente, pungente, appassionato di musica, cinema e tutto ciò che è comunicazione. Penna originale e ironica, mai banale. Sempre pronto a buttar l’occhio al di là delle apparenze, dove gli altri non sempre guardano.

Commenti