Addio ad Ennio Fantastichini

Cinema italiano in lutto per la scomparsa di Ennio Fantastichini. La notizia della morte dell’attore, avvenuta all’età di 63 anni, ha colpito pubblico e addetti ai lavori, dispiaciuti per la perdita di un artista così amato e talentuoso.

L’esordio sul grande schermo, per Fantastichini, risale al 1983, con il film “Fuori dal giorno”. Altri successi sono “I soliti ignoti vent’anni dopo”, “I ragazzi di via Panisperna”, “Porte Aperte”, per il quale ottiene un Ciak d’Oro, un Nastro d’Argento e un European Film Award.

Raggiunto ormai il successo, lo ritroviamo in “Ferie d’agosto” di Paolo Virzì.

Tra i tanti film a cui ha preso parte, anche negli ultimi anni, “Saturno Contro”, “Fortapasc”, “Studio Illegale”, “Io e lei”, “La musica del silenzio”., “Mine Vaganti”. Grazie a quest’ultimo vince un David di Donatello e un secondo Nastro d’Argento.

Un Attore con la A maiuscola, volto ricorrente del nostro cinema e non solo. Un personaggio e un artista di straordinaria bravura che mancherà tantissimo agli amanti del cinema.

Alberto Pinto,Blogger dall’indole geniale e creativa. Attento, divertente, pungente, appassionato di musica, cinema e tutto ciò che è comunicazione. Penna originale e ironica, mai banale. Sempre pronto a buttar l’occhio al di là delle apparenze, dove gli altri non sempre guardano.

Commenti