Ricordo dell’attrice Lauren Bacall, un’altra leggenda di Hollywood

Lauren Bacall, la sensuale attrice dalla profonda voce roca che ha catturato il cuore di Humphrey Bogart sia dentro che fuori dallo schermo, è morta all’età di 89 anni nella sua casa di New York qualche settimana fa.

Gli eredi della famiglia Bogart ne hanno confermato il decesso nel loro account Twitter. Lauren Bacall è stata sposata dal 1945 al1957, l’anno della morte del leggendario attore con cui aveva avuto due figli.

Il pubblico la conosceva come Lauren, il nome d’arte che le era stato dato dal regista Howard Hawks mentre i suoi amici la chiamavano col suo nome vero, Betty. Betty Joan Perske è nata il 16 settembre 1924 a New York City. Era l’unica figlia di una coppia di immigrati. Prese il cognome di sua madre, Bacall, dopo il divorzio dei suoi genitori. Bacall ha interpretato piccoli ruoli sul palco e ha posato da modella per la rivista Harper Bazaar.

Ha conquistato un posto nella storia di Hollywood con la sua sensuale domanda a Bogart, “Non sai come fischiare? Unisci le labbra e soffia.” Bogart e Bacall si sposarono l’anno successivo, dopo aver concluso il suo turbolento terzo matrimonio con l’attrice Mayo Methot. Bogart e Bacall hanno recitato insieme in Il grande sonno (1946), Dark Passage (1947) e Key Largo (1948), tutti capolavori del cinema in bianco e nero.

Nel corso degli anni, ha trasformato il suo carattere grazioso e sexy in quello di una donna intelligente e sofisticata. Pubblicò due volumi di memorie, Lauren Bacall by Myself nel 1979 e By Myself and Then Some nel 1996.

Per diversi anni l’industria cinematografica si dimenticò di lei. Ricevette il premio Donostia nel Festival del Cinema di San Sebastián, nel 1982. Nel 1993, venne premiata con il Cecil B. De Mille dall’Associazione dei Giornalisti Stranieri di Hollywood. E, infine, le fu assegnato l’Oscar onorario nel 2009, quando esclamò: “Finalmente, un uomo!”.

Laureata in Filologia Classica, classe 1989, ama scrivere delle sue passioni e di ciò che la circonda. Le piace vivere in mezzo alla natura.

Commenti